Cosa fare a Roma: guida per viaggiatori

Roma

Roma, la Città Eterna, chi non ne ha mai sentito parlare Quello che veramente colpisce è la sua grandezza non solo per l’immenso patrimonio artistico e storico, ma la quantità incommensurabile di cose che si possono scoprire visitandola.

E il bello è che si può essere Italiani, stranieri o addirittura Romani, che si trova sempre qualcosa da fare o da scoprire di nuovo… e sempre senza rischiare di morire di fame, visto il numero di punti di ristorazione sempre pronti a proporre i migliori manicaretti della tradizione capitolina. Vi posso garantire che il menù è talmente ampio che non basterebbe un’enciclopedia per scriverlo tutto.

Visto poi che la città è suddivisa in molte zone diverse, in ognuna di esse troverete delle curiosità che vi affascineranno lasciandovi dei ricordi così vividi che potranno essere oggetto di infinite conversazioni con amici e parenti!

Da Torinese quello che per prima cosa mi ha impressionato è stata la grande affabilità delle persone, il senso di trovarsi in una famiglia allargata che parla in modo per me”strano” raddoppiando tutte le lettere…tant’è che bella diventa bbella…e credevo di essermi sbagliato quando ho trovato un sito turistico che si chiamava proprio romabbella. Qui le proposte sul cosa fare a Roma sono davvero variegate e differenti.

Se poi vi capitasse di avere anche la fortuna di vedere le zone dei dintorni potrete aumentare il vostro bagaglio di ricordi magari apprendendo anche le storie delle zone limitrofe che spesso hanno magari conservato tradizioni tutte loro per quanto la matrice sia sempre la medesima…AOH!

Ma adesso andiamo per ordine e tuffiamoci nell’esperienza romana! Quando arrivate a Roma, che sia in aereo, macchina o treno, vi sentirete subito circondati da un’aria particolare, come se vi trovaste in un’enorme famiglia allargata, in cui tutti parlano l’uno con l’altro anche se estranei.

Provate per curiosità a salire su un mezzo pubblico: lo noterete con i vostri stessi occhi. Se poi siete interessati a vedere monumenti e forme d’arte varia, non avrete che l’imbarazzo della scelta: dalla Basilica di San Pietro, ai Musei Vaticani, la Fontana di Trevi, passando per il Colosseo e il Pantheon.

Ma non basta, se volete di più andate anche a farvi un giro al Campidoglio, Piazza Navona e Fori Imperiali fino alla Roma Sotterranea, che richiama milioni di visitatori!
Ricordate comunque che vista la maestosità di praticamente tutto quello che vedrete, sarà d’uopo vestirsi in modo consono, evitando magari abbigliamenti troppo audaci che potrebbero risultare stonati in luoghi sacri come le chiese o inadatti a posti freddi come le Catacombe.

Ovviamente in mezzo al tanto girovagare, oltre a nutrire lo spirito avrete anche bisogno di rifocillare il corpo e quindi mi permetto di consigliarvi una o più soste in punti decisamente tipici dove potrete gustare piatti come i celeberrimi bucatini all’amatriciana, i carciofi alla romana, gli spaghetti cacio e pepe o alla carbonara, i saltimbocca e la pizza, diversa da quella tipica napoletana perché bassa e croccante.

Se poi avete modo di girare nei dintorni vi consiglierei anche di non perdervi né la porchetta di Ariccia né i vini dei Castelli Romani! Giunti alla fine di una giornata a dir poco esaltante, se ne avrete ancora le forze, vi consiglierei dunque di chiudere in bellezza passando la vostra serata in zone come San Lorenzo e Testaccio, dove potrete vivere a pieno il gusto delle notti romane.

Dopo avervi illustrato, seppur brevemente, quali siano le infinite possibilità che offre una città come Roma, posso affermare senza timore che se non si prova dal vivo cosa sia l’emozione trasmessa dalla Città Eterna, non si può capire fino in fondo di cosa stia parlando.

Quello che secondo me conta davvero è proprio l’essere in grado di immergersi nello spirito che la pervade in ogni suo angolo, pietra o abitante. La cosa singolare è come a volte sembra che le persone litighino sì, ma come se fossero liti in famiglia, senza danno reciproco e con un quasi immediato chiarimento di ogni malinteso, senza che nascano faide infinite.

Forse all’inizio potrà sembrare caotica ma vi posso giurare come in realtà il senso di smarrimento sparisca davvero in fretta, sostituito dalla sensazione di assoluta famigliarità trasmessa da un tale coacervo di esperienze.

Ovviamente non si può pretendere che tutto venga capito immediatamente, però se cercherete di affrontare la vostra visita con mente aperta, vedrete che riporterete a casa tanti e tali bei ricordi che difficilmente potrete astenervi dal ritornare per rivivere certe sensazioni!