Vendere ed acquistare sterline d’oro: consigli pratici

Molte sono le persone che, più di una volta, si sono chieste quale sia il valore di una sterlina oro. Possiamo affermare che il valore della sterlina oro, viene determinato dalla quotazione dell’oro e della quantità di oro presente nella moneta.

Tuttavia esistono anche altri fattori che possono incidere sul costo di una sterlina d’oro. Tra i vari fattori esistenti, viene considerato il luogo in cui si verifica il pagamento della moneta, il regime dei contribuenti minimi, la valutazione per l’acquisto o la vendita, la condizione della moneta, il valore per il collezione e così via. Inoltre, molte delle caratteristiche elencate influiscono sullo spread di una valuta, ovvero ci riferiamo alla differenza che concerne tra la quotazione dell’oro e il valore di vendita.

L’aspetto più importante, che serve a stabilire il prezzo della sterlina è la differenza che intercorre tra le monete numismatiche e le monete da investimento. La differenza principale tra le due monete riguarda proprio il metodo che si utilizza per stabilire il prezzo della sterlina.

Dunque, se nel primo caso il prezzo viene stabilito dalla quotazione del metallo prezioso e dalla quantità di oro presente nella moneta, nel secondo caso il prezzo viene determinato dal valore storico.

Per di più vi è anche la presenza di un altro aspetto considerevole che pone una certa differenza tra le sterline numismatiche e quelle da investimento, ovvero stiamo parlando del regime fiscale italiano, che si utilizza per l’acquisto di sterline in oro. Oltre ciò, possiamo affermare che l’oro da investimento, e quindi anche le sterline, non presentano un’IVA, invece le sterline da collezione sono dotate di aliquota IVA al 10%.

Le sterline in oro numismatiche sono considerate quelle monete che presentano delle specifiche caratteristiche, come ad esempio presentare un errore di stampa, presentare una data di circolazione di breve durata, devono essere dotate di determinato valore storico ed essere monete uniche. Invece, una sterlina in oro, può essere considerata da investimento, se presenta delle determinate caratteristiche. Ovvero, la sua data di fabbricazione deve risalire al 1800, deve presentare un corso legale nella Nazione in cui è stata prodotta, deve presentare una purezza minima di 900/100 e deve avere uno spread minore all’80%.

Il valore dell’oro usato viene stabilito in base al prezzo commerciale del metallo puro, e la sua valutazione viene attuata dal banco dei metalli. La valutazione di un oggetto in oro, che sia un gioiello, una capsula dentaria, la cornice di un quadro, si basa sulla quantità di oro puro che realmente è presente nella lega e dell’altro tipo di metallo che è stato unito all’oro puro, per la realizzazione dell’oggetto.

Quindi, dopo aver deciso di vendere il proprio oro usato, bisogna eseguire alcuni processi per poter ricavarne maggior denaro. Dunque, dopo aver spiegato che la valutazione dell’oro usato viene eseguita pesando l’oro e determinando la quantità di oro puro nella lega, bisogna anche sapere che gli oggetti in oro presenti in commercio, non sono sempre realizzati soltanto con oro puro, ma vengono fabbricati in lega d’oro.

Inoltre bisogna sapere che la valutazione dell’oro è istantanea, ciò vuol dire che ha sempre un certo valore molto limitato nel tempo, quindi è necessario informarsi sul valore temporale della proposta. Il valore dell’oro quotato in borsa, fa riferimento alla sua forma pura, e la sua misurazione viene determinata in grammi o ad once troy.

Lucio Cappello

Back to top