Bambini in vacanza, cosa fare se si ammalano

bambin gesù

Quando si va con i bambini in vacanza, si sa, bisogna stare in campana e partire organizzati per ogni evenienza. Purtroppo, soprattutto quando sono ancora piccoli, può capitare che si ammalino o che cadano e riportino qualche danno, quindi può essere necessario l’intervento di un pediatra. Difficile però se si è fuori casa, magari all’estero, ma anche in una città grande e caotica come Roma. Quale pronto soccorso pediatrico contattare? Meglio forse una guardia medica? Quanto tempo dovrò attendere in coda? Ci sono servizi alternativi? Vediamo.

Vacanze romane con i bambini

Roma è una città stupenda che si può visitare in qualsiasi stagione dell’anno. Chiaramente se si parte in determinate occasioni, come le festività e i ponti, o le vacanze estive,  ci si deve aspettare di trovare un grande afflusso turistico, il che tradotto vuol dire un bel caos. Se si deve solo visitare la città o dei monumenti il massimo del problema sarà fare un po’ di coda, ma se necessita un servizio come appunto il pediatra o la guardia medica, dover fare lunghe code può diventare un vero problema. Inoltre si devono fare i conti anche con il traffico della città che d’estate, nonostante molti romani vadano al mare, non  manca.

La guardia medica

Ci auguriamo che non serva, ma nel caso sfortunato, la guardia medica di Trastevere è operativa praticamente sempre, a qualsiasi orario e in modo completamente gratuito. Raggiungere Trastevere però non sempre può essere agevole se non si ha un proprio mezzo, con un bambino ferito o febbricitante, diciamo che con i mezzi non è il massimo, sarebbe opportuno chiamare un taxi. Questa è la guardia medica turistica, significa che vi possono accedere tutti i cittadini italiani che non hanno la residenza in città, ma anche i cittadini stranieri che non hanno la residenza, quindi in poche parole può esserci davvero molta fila per farsi visitare, fila che, ovviamente, scorre in base alle urgenze, quindi del colore del codice che viene assegnato al triage.

Ospedale pediatrico Bambin Gesù

Il pronto soccorso pediatrico è ubicato all’interno della struttura ospedaliera Bambin Gesù. Si tratta di un ospedale specializzato nella cura dei bambini e neonati, per cui è assolutamente indicato per qualsiasi problematica possa riguardare il bambino. Anche in questo caso però ci si deve mettere con paziente calma in fila, questo è un pronto soccorso molto frequentato e sovente si deve attendere parecchio tempo (ovviamente in base al codice d’urgenza assegnato al triage) prima di poter essere visitati dal pediatra. Ma allora se si vuole subito una visita, perché magari si deve ripartire subito o perché comunque essere fuori casa e col bambino che non sta bene mette ansia, cosa si deve fare?

Servizio di medici a domicilio

pediatra a domicilioCi sono comunque altre soluzioni in città, come il servizio di medici a domicilio che consente di essere visitati direttamente in hotel o nel B&B. Questo è un servizio privato, quindi a pagamento, che funge da supporto al soccorso pediatrico del Sistema Sanitario Nazionale. I medici che effettuano visite a domicilio sono medici laureati e abilitati con una grande esperienza anche nelle strutture pubbliche e che hanno scelto di esercitare da liberi professionisti, incluso il pediatra.

I vantaggi di questo servizio sono che si può avere un intervento tempestivo in qualsiasi momento della giornata e della notte e senza doversi muovere dal luogo in cui si ha pernottato.