I no che aiutano nella crescita personale

Un vecchio detto afferma che “dire sì non è mai peccato”, magari non sarà mai peccato però sicuramente non è utile nella tua crescita personale. O, meglio, non è che devi dire all’opposto sempre ‘no’ ma nemmeno dire sì. Devi trovare un giusto compromesso che ti possa rendere felice.

Il dire sempre sì, infatti, non aiuta certamente l’autostima e, anzi, ti pone sempre in obbligo di dare risposte positive a chiunque ti chieda un favore. Soffocando il tuo vero sé e la tua indole. Perché lo fai? 

Ad esempio, non devi per forza accettare qualsiasi invito che ti venga fatto, se non te la senti o non ti trovi a tuo agio. L’esempio più lampante è il Natale: ci sono quei parenti che vedi una volta all’anno (appunto, il 25 dicembre) in cui non hai niente da condividere, nulla da scambiare – se non il regalo che il giorno dopo riciclerai – e, quindi, dovrai soltanto aspettare che il pomeriggio passi.

Di fronte a questa situazione, devi avere il coraggio di dire ‘no’, fare altro. Senza sentirti in obbligo, poi, di sdebitarti o inventare una di quelle scuse a cui non crede nessuno. Nemmeno te stesso. Anche perché inventando scuse dovrai sempre comunque ricordarti di averla detta. Nel senso che potrebbe esserci qualche domanda a trabocchetto della persona che ti aveva invitato. E, se dovessi dimenticare di ciò che ti eri inventato, potrebbe essere un grosso problema poiché verrebbe fuori tutta l’incongruenza.

Devi avere il coraggio della tua scelta e rivendicare il tuo ‘no’, il tuo non voler fare una cosa che non ti piace. Perché è molto più stressante perdere ore della propria vita volendo essere da qualche altra parte che riuscire a esprimere se stessi attraverso una risposta negativa per una cosa che non ci piace.

Per crescere è importante anche stare da soli qualche ora, se non al giorno, almeno al mese. Perché puoi fare i conti solo fra te e te, puoi ‘sfogarti’ senza che nessuno possa giudicarti e, soprattutto, puoi fare i conti della vita che stai vivendo. Ecco, questi momenti non possono essere intralciati da nessuno. Se hai deciso che il sabato mattina devi stare da solo perché così tu puoi stilare un bilancio, non puoi derogare semplicemente perché una persona ti ha chiesto un favore e tu non puoi dire di no. Ricorda sempre che derogare a una regola fa in modo che quella regola non esista più.

Questo è un altro corollario per la propria crescita. Saper dire di no ti invoglia in maniera del tutto naturale a non dover più derogare. A imparare, quindi, l’arte del rispetto delle regole. Non soltanto quelle della convivenza civile, ma anche di quelle che ti dai anche tu per migliorare la tua vita e la tua crescita. Perché ci sono delle cose autoimposte che non possono assolutamente essere da parte. Altrimenti, poi, ci si risponde alla propria coscienze. Che, molte volte, è il giudice più severo che possiamo avere verso noi stessi.