Caprarola: cosa vedere di bello

comune di caprarola

Palazzo Farnese

Sebbene Caprarola si un piccolo paesino quasi sconosciuto, le attrattive turistiche al suo interno non mancano di certo.

La più importante è rappresentata dal Palazzo Farnese, un edificio cardine di Caprarola.

Proprio quest’ultima rende la piccola cittadina famosa in tutto il mondo, poiché ha un’architettura particolare.

Alla struttura pentagonale si aggiunge la sua storia: realizzato nel Cinquecento sui resti di un edificio precedente molto antico, esso ospita numerose decorazioni e tanti affreschi.

Tra i pittori che contribuirono a creare i decori del Palazzo Farnese spiccano Marzio Ganassini, i fratelli Zuccari e Giovanni Antonio da Varese.

 

Palazzo Gherardi

Un altro importante edificio di Caprarola è il Palazzo Gherardi.

Anche se non si tratta di una costruzione famosa come il Palazzo Farnese, il Palazzo Gherardi nasconde comunque molte chicche che potrebbero interessare i turisti.

Basti pensare al fatto che fu ampliato nel 1583 per mano di un maestro al sevizio delle Poste del Vaticano.

Oggi qui è ospitato il Municipio di Caprarola.

 

Lago di Vico

Caprarola, però, non ha tanto da offrire solo su un piano prettamente artistico-culturale, bensì anche per quanto riguarda la natura.

Non molto lontano dalla cittadina, difatti, è possibile ammirare il Lago di Vico, originatosi più di 8 mila anni fa sui resti di un vulcano.

Nel 1982 qui è stata istituita una riserva naturale, una delle più belle dell’intero Centro Italia.

Qui è possibile fare delle escursioni a piedi, sul cavallo oppure in sella a una bicicletta, durante le quali i turisti potranno ammirare la vita delle lepri e dei cinghiali locali.

 

Via Dritta

Certo, ci si può sempre concentrare su degli edifici del Comune di Caprarola.

Ma è anche vero che l’intero centro storico del piccolo paesino centroitaliano è degno di nota.

Difatti a Caprarola viene conservato un impianto urbanistico tipicamente rinascimentale.

Camminando per le strade della cittadina sarà possibile scoprire la Via Dritta, che all’epoca del Rinascimento servì per cambiare il tessuto urbano dopo il Rinascimento.

E durante il cammino i turisti avranno modo di ammirare i tipici burroni che costituiscono il panorama locale.

 

Chiesa di San Rocco

Come ben si sa, in fatto di chiese ed edifici ecclesiastici l’Italia centrale è davvero ricca.

Non è da meno la cittadina di Caprarola, che ospita la Chiesa di San Rocco.

Realizzata tra il Quattrocento e il Cinquecento, essa si trova vicino al Palazzo Farnese.

La sua storia è segnata da numerosi interventi, mentre al suo interno è possibile vedere degli affreschi realizzati nel Seicento per mano di Giuseppe Bastiani.

Dentro all’edificio è possibile vedere diversi richiami alla famiglia dei Farnese, sicuramente la più importante della città.

 

Palazzo Mariani

Infine, camminando per Caprarola non si può far a meno di visitare il Palazzo Mariani.

Quest’ultimo ha un progetto simile al Palazzo Farnese ed è un’opera d’architettura di notevole importanza.

Non solo perché fu realizzato nel Seicento, ma anche perché il suo progetto si deve a Ettore Mariani, da cui prende il nome.

Sia la facciata esterna che gli elementi di decoro interni rappresentano degli oggetti di alto interesse per tutti gli appassionati di storia e architettura.

Ammirandone i ricchi interni i turisti resteranno sicuramente soddisfatti.

 

Fonte: www.mytuscia.com