L’abito dello sposo il giorno più bello

Quando si parla di matrimonio, solitamente si bada più all’abito della sposa che all’abito dello sposo. Il luogo comune è che l’abito femminile è quello che da maggiori soddisfazioni, che catalizza l’attenzione (questo in parte però è vero) e che quindi merita maggiore considerazione. E così, il povero sposo, resta al centro delle goliardate degli amici, come il taglio della cravatta che si usa ancora in diverse località italiane, ma che dal punto di vista prettamente dell’abbigliamento non riceve grande considerazione. Eppure, l’abbigliamento per lo sposo oggi offre una vasta gamma di scelta.

L’abito dello sposo, tante opzioni

Quello che si dovrebbe iniziare a fare è considerare lo sposo protagonista del suo giorno delle nozze tanto quanto la sposa, quindi anche lui ha il dovere, nonché il piacere, di scegliere un abito unico, che lo faccia sentire bene e perfetto in quella che dovrebbe essere la giornata più bella. In linea generale, l’unica regola che dovrebbe essere rispettata è quella di coordinarsi con l’abito della sposa e contestualizzarsi in quello che è il tema delle nozze, quindi se si opta, per esempio, per un tipo di matrimonio in stile anni ’30, ci si dovrà adattare.

sposoAbito classico: può essere di due o tre pezzi, blu o grigio scuro, meglio evitare lo spezzato. Il tight è l’abito elegante per tradizione, va bene per un matrimonio particolarmente elegante o solenne, mai di sera, sempre nozze che si svolgono di giorno. La scelta di questo abito condiziona quello della sposa e dei testimoni che dovrebbero essere tutti coordinati. L’abito della sposa deve rigorosamente essere lungo e con strascico.

La camicia: con il tight dovrebbe essere sempre bianca, con polsini e gemelli. Ma se al posto del tight si sceglie un abito classico, si può anche giocare con accostamenti creativi e originali, anche se i colori pastello non sono proprio consoni.

Scarpe: le scarpe nere uomo sono sempre perfette purché siano classiche, di vernice per una cerimonia solenne, il modello Oxford è perfetto, ma per una cerimonia più sbarazzina anche le francesine possono andare bene. La scarpa deve essere stringata, divieto assoluto di mocassino e di fibbie.

Sotto i riflettori come la sposa

Da qualche tempo anche l’uomo si sta guadagnando il ruolo da protagonista che gli spetta, per questo anche nei negozi specializzati per l’abbigliamento da sposo e di accessori si trova una sempre più vasta disponibilità di modelli e brand. I costi, purtroppo, si stanno ugualmente adeguando a quello che è il trend femminile, sebbene ancora siano lontani dal costo di alcuni abiti da sposa.

Un consiglio che vale su tutti è quello di trovare un giusto compromesso tra eleganza e comfort.

Lucio Cappello

Back to top