Pozzo artesiano: quando eseguire la manutenzione

Avere a disposizione un pozzo artesiano nei pressi della propria abitazione, in particolar modo per chi vive in una zona rurale, significa poter godere di vantaggi non indifferenti.

Si tratta di un pozzo dove le acquee sotterranee tendono a risalire in superficie senza l’ausilio di alcun espediente tecnologico, ma mediante la pressione che l’acqua stessa esercita.

I migliori pozzi artesiani posseggono una pressione elevata per cui i vantaggi soprattutto in termini economici non mancano.

I vantaggi del pozzo artesiano quali sono

Chi possiede un pozzo artesiano non avrà costi aggiuntivi sulle bollette per quanto riguarda l’uso di acqua a scopo domestico.

Infatti, per le irrigazioni o innaffiature, molti optano proprio per lo sfruttare tale soluzione, perché si sa, soprattutto nel periodo estivo, che piante e alberi necessitano di continua irrigazione e talvolta sostenere il fabbisogno idrico comporta ingenti spese di denaro.

Tuttavia, oltre al vantaggio economico c’è da considerare quello ecologico, che al giorno d’oggi non è meno importante.

Infatti, avere la possibilità di utilizzare le acque sotterranee è una scelta ecologicamente sostenibile perché non andrà ad incidere sull’impatto ambientale e sull’inquinamento.

In aggiunta, un altro aspetto da considerare è il seguente: a differenza dei pozzi freatici, quello artesiano non necessita di pompe meccaniche per permettere di far fuoriuscire l’acqua dal sottosuolo, ma avviene in maniera naturale mediante la pressione della stessa come detto in precedenza.

Naturalmente c’è da fare una piccola considerazione perché questa regola non vige per tutti i pozzi artesiani, perché ci sono alcune falde acquifere che non hanno una pressione elevata, pertanto occorre introdurre delle pompe meccaniche.

Per far sì che un pozzo artesiano sia sempre efficiente, occorre procedere di tanto in tanto ad una corretta ed adeguata manutenzione, in caso di mancato intervento con il tempo si possono verificare diverse situazioni che portano ad una diminuzione del rendimento del pozzo stesso.

Per ovviare a tale problematica è doveroso contattare una ditta specializzata per spurgo pozzo artesiano.

A seconda dei casi dunque, la ditta competente sarà in grado di usare diverse tipologie di tecniche manutentive intervenendo con macchinari appositi.

La purezza e la salubrità dell’acqua si rivelano fondamentali pertanto è doveroso eseguire la manutenzione periodica per ripristinare non solo la funzionalità ma anche la salubrità dell’acqua stessa.

Come si svolge l’intervento

La procedura è molto semplice: una volta contattata l’azienda di riferimento, verrà eseguito un sopralluogo e il tecnico specializzato definirà il tipo di intervento da eseguire in base alla propria situazione.

Solitamente la manutenzione prevede l’utilizzo di una pompa elettrica sommersa che asporterà ogni forma di sporcizia. Inoltre, in tutti gli ambienti che ha operato li pulirà adeguatamente riconsegnando al proprietario l’impianto in condizioni ottimali.

Quando bisogna eseguire l’intervento

Quando è stato realizzato il pozzo bisogna già provvedere ad una prima manutenzione in modo da asportare i detriti prodotti dallo scavo. Un secondo intervento diventa obbligatorio a cadenza annuale.

Si raccomanda di eseguire gli interventi di manutenzione nel periodo compreso tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno in modo tale da poter operare quando la disponibilità idrica del sottosuolo è poca, e nel pozzo d’altro canto, è presente una minore quantità d’acqua da movimentare.